Informazioni, documenti …

Print Friendly, PDF & Email
 

Linux Day 2018: «World Wild Web»

Gli allievi della 4ASIA e della 5CART (gruppo SIA) hanno partecipato sabato 27 ottobre all’edizione 2018 del Linux Day organizzata come tutti gli anni dal Pordenone Linux User Group, che quest’anno aveva come tema il profondo cambiamento che il Web ha impresso alla nostra società, nel bene e nel male, da cui il titolo «World Wild Web».

Gli argomenti trattati nelle varie presentazioni, organizzate in spazi separati per consentire una fruizione parallela, spaziavano dalla creazione di app per i sistemi Android alla predisposizione di presentazioni efficaci con LibreOffice Impress, dall’interfacciamento di un microcontroller Arduino con un bot Telegram, dal machine learning all’Internet of Things, dai nuovi sistemi di generazione e gestione di siti web statici all’uso del software ERP Odoo nell’ambito del progetto OdooSagra.

Riportiamo qui le parole di Alan Cerrito, un allievo della 5CART:

«[Il Linux Day è] un appuntamento annuo che le scuole non devono farsi scappare, specialmente se vi si insegnano materie come l’informatica (infatti, si sono presentati diversi istituti). È indirizzato ad appassionati e programmatori che vogliono ampliare i propri orizzonti, aprendosi nuove strade, imparare qualcosa in più e confrontarsi con esperti; proprio per questo insieme a molti alunni giravano per il polo tecnologico diverse tipologie di visitatori, da liberi professionisti a impiegati, che hanno ritenuto utile essere presenti per far proprie queste conoscenze al fine di applicarle nel mondo lavorativo e non solo. La varietà di età è un chiaro riferimento che si può sempre imparare. La manifestazione ha dimostrato che la tecnologia è in continua crescita e bisogna sempre tenersi aggiornati poiché i cambiamenti sono rapidi e veloci.»

Scuola Aperta 2018: Applicazioni didattiche

Applicazioni didattiche, predisposte dalle allieve della 5C Mara Boz, Djamila Pozzolo, Giada Turrin, di presentazione dell’istituto e delle materie che vi si insegnano:
 
 

Mattiussi primo in regione (classifica Fondazione Agnelli)

Giorni di decisioni nelle famiglie dei ragazzi di terza media alle prese con la scelta del percorso superiore. Come ogni anno, la Fondazione Agnelli arriva in soccorso con “Eduscopio” il motore di ricerca che dà una fotografia delle performance degli istituti sia statali sia parificati, indicando classifiche per ogni indirizzo scolastico. Il Mattiussi emerge come primo della Regione Friuli Venezia Giulia tra gli Istituti Tecnici Economici (ITSSE). La graduatoria è costruita in base alla media dei voti e ai crediti ottenuti nel primo anno di carriera universitaria, calmierata in base alla difficoltà del percorso accademico, l’indice di occupazione entro i primi due anni dal diploma. La novità più rilevante di quest’anno è l’aggiunta di un indicatore chiamato Percentuale di diplomati in regola. Si tratta di un indicatore importante, perché dice per ogni scuola quanti studenti iscritti al primo anno hanno raggiunto senza bocciature il diploma 5 anni dopo.

Link: eduscopio

Link: criteri con cui viene elaborata la classifica