Didattica

 

IRSE 2019 – 35° Corso di Economia

L’IRSE Istituto Regionale Studi Europei di Pordenone (Culturale Casa A. Zanussi) organizza la 35° Serie di Cultura Economica sul tema “Progetto Europa. Quali scelte economiche”. Gli incontri si terranno all’Auditorium Casa dello Studente Zanussi nel periodo febbraio-aprile 2019 sempre con orario 15.30-17.30. L’iniziativa vede il coinvolgimento del nostro Istituto. La partecipazione all’evento è inserita nel progetto Alternanza Scuola Lavoro. Gli incontri sono gratuiti è comunque gradita l’iscrizione

Allegato: Depliant

Link: centroculturapordenone.it/irse/…./Progetto_Europa_Quali_scelte_economiche

Continua a leggere…IRSE 2019 – 35° Corso di Economia

Visita Aziendale alla Electrolux di Porcia

La 4 A SIA col progetto Go&Learn ha effettuato nel mese di dicembre 2018 la visita aziendale all’Electrolux di Porcia l’azienda leader nel settore elettromestici per la casa, dove i ragazzi hanno visitato lo stabilimento di produzione lavatrici dopo aver incontrato il dott. Del Savio che ha trasmesso ai ragazzi, insieme al dott. Lorenzon la mission dell’azienda svedese di estrema attenzione alla qualità della vita di una famiglia

Linux Day 2018: «World Wild Web»

Gli allievi della 4ASIA e della 5CART (gruppo SIA) hanno partecipato sabato 27 ottobre all’edizione 2018 del Linux Day organizzata come tutti gli anni dal Pordenone Linux User Group, che quest’anno aveva come tema il profondo cambiamento che il Web ha impresso alla nostra società, nel bene e nel male, da cui il titolo «World Wild Web».

Gli argomenti trattati nelle varie presentazioni, organizzate in spazi separati per consentire una fruizione parallela, spaziavano dalla creazione di app per i sistemi Android alla predisposizione di presentazioni efficaci con LibreOffice Impress, dall’interfacciamento di un microcontroller Arduino con un bot Telegram, dal machine learning all’Internet of Things, dai nuovi sistemi di generazione e gestione di siti web statici all’uso del software ERP Odoo nell’ambito del progetto OdooSagra.

Riportiamo qui le parole di Alan Cerrito, un allievo della 5CART:

«[Il Linux Day è] un appuntamento annuo che le scuole non devono farsi scappare, specialmente se vi si insegnano materie come l’informatica (infatti, si sono presentati diversi istituti). È indirizzato ad appassionati e programmatori che vogliono ampliare i propri orizzonti, aprendosi nuove strade, imparare qualcosa in più e confrontarsi con esperti; proprio per questo insieme a molti alunni giravano per il polo tecnologico diverse tipologie di visitatori, da liberi professionisti a impiegati, che hanno ritenuto utile essere presenti per far proprie queste conoscenze al fine di applicarle nel mondo lavorativo e non solo. La varietà di età è un chiaro riferimento che si può sempre imparare. La manifestazione ha dimostrato che la tecnologia è in continua crescita e bisogna sempre tenersi aggiornati poiché i cambiamenti sono rapidi e veloci.»

Finanza etica: Ugo Biggeri ospite del Mattiussi

Sabato 27 ottobre si è svolto nell’auditorium del Mattiussi un incontro con il presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri, organizzato per tentare di ottenere delle risposte a domande come: dove finiscono i soldi dei risparmiatori? che influenza hanno sull’ambiente? i soldi fanno la felicità?

Biggeri, con una squisita dialettica e una naturale simpatia, ha cercato di dare delle risposte. Le banche mettono in collegamento persone in deficit e persone che hanno un surplus di soldi. Banca Etica, a differenza delle comuni banche, offre trasparenza su queste movimentazioni pubblicando nel suo sito web chi percepisce i finanziamenti. I clienti vengono scelti in base alla solvibilità e a una valutazione socio-ambientale che indaga l’impatto dell’azienda sul territorio. Il relatore ha infatti sottolineato quanto, al giorno d’oggi, molti dei grandi problemi globali dipendono dalla finanza.

«La finanza etica ha due obiettivi solo apparentemente in conflitto — ha spiegato — Uno è di essere migliore della concorrenza, l’altro è incoraggiare le altre banche a copiarci, e addirittura a fare meglio di noi nell’ottica dell’uso etico delle risorse finanziarie.  Solo così potremo cambiare le cose.»

Banca Etica pensa anche ai giovani con dei fondi di garanzia che sostengono coloro che hanno un progetto ma non possono dare garanzie.

L’incontro è stato fonte di riflessioni e curiosità. Ci ha mostrato un modo nuovo e diverso di “fare banca”. Il cambiamento è possibile se si è disposti a porre al primo posto la solidarietà e i valori invece del guadagno. In conclusione, i soldi fanno la felicità? Fanno la felicità solo se condivisi: questa è l’economia del dono.

Alessia Bolzonaro, 5AAFM

Gazzetta del Mattiussi nr. 1/2018-19

Pubblicata la Gazzetta n. 1 del 2018/2019 con articoli sulla mostra su Sironi, sul progetto Mission 2.0, sugli allievi che partecipano all’esperienza di lettura di fiabe in biblioteca civica, sul progetto Voce Donna e tanto altro

 

Progetto psicoattivo

Alcuni ragazzi delle classi 4ARIM, 4AAFM, 3ARIM e 3BAFM (a.s. 2017/18) dell’ITSSE “Odorico Mattiussi” di Pordenone hanno partecipato al progetto «Psicoattivo», che promuove la prevenzione del consumo delle sostanze psicoattive illegali e lecite. A testimonianza del percorso formativo che li ha impegnati durante ore scolastiche e pomeridiane hanno realizzato un video che si rifà all’esperimento del marshmallow. Essendo questo uno dei più famosi esperimenti di psicologia comportamentale, hanno ritenuto interessante riprodurlo in chiave moderna.
L’esperimento è semplice: dei bambini di età compresa tra i 3 e i 9 anni vengono messi di fronte ad un dolcetto e un altro viene promesso loro nel caso in cui non dovessero cedere alla tentazione di mangiare il primo.
Lo scopo è quello di determinare se e quanto varia l’autocontrollo in base all’età.

 

Attenzione: se premete il pulsante  vi verranno installati cookie di terze parti.

 
Il video è stato presentato in una mostra che è stata aperta dal 23 all’8 giugno presso i locali dell’AAS in via Oberdan 5 a Pordenone.

 

Laboratorio «Cittadinanza digitale» – Prima parte

Durante la prima settimana, tutte le classi prime sono state coinvolte in un laboratorio sulla «cittadinanza digitale» curato dal prof. Tissino. Dopo un veloce giro di presentazione, gli allievi sono stati impegnati in diverse attività, dapprima per informarsi  vicendevolmente sulla propria vita digitale attraverso uno schieramento tra i due estremi “youtuber professionista” e “non uso mai smartphone o pc” (naturalmente erano possibili tutte le posizioni intermedie), poi per cercare di trovare insieme quali potrebbero essere i temi trattati in un laboratorio dedicato alla cittadinanza digitale. Successivamente, sono state svolte delle attività relative al Manifesto della comunicazione non ostile ed è stata fatta una raccolta di idee relative ai pericoli della rete. Infine, sono stati visionati e commentati due filmati relativi alla tematica della condivisione non autorizzata di immagini: Professione Reporter ed Exposed

 

 

Programmi Consuntivi 2017-2018

 

Classe Documenti Note
1A AFM zip  
1B AFM zip  
1C AFM zip  
1D AFM zip manca Geografia
1E AFM zip manca Geografia
     
2A AFM zip  
2B AFM zip  
2C AFM zip  
2D AFM zip manca Geografia
2E AFM zip manca Geografia, Italiano, Storia, Sc. della Terra
     
3A AFM zip  
3A RIM zip manca Economia Aziendale e Geopolitica
3A SIA zip  
3B AFM zip  
3C ART zip manca Inglese AFM
     
4A AFM zip manca Informatica
4A RIM zip manca Tecnologie della Comunicazione
4B AFM zip manca Economia Aziendale
4C ART zip manca Italiano, Storia, Tecnologie della C., Inglese (SIA)
     
5A AFM zip  
5A RIM zip  
5A SIA zip  
5B AFM zip  
5C ART zip  

Progetto: Da Stranieri a Cittadini

La classe 2 C afm ha partecipato al progetto “da stranieri a cittadini” in collaborazione con il CPIA di Pordenone con l’obiettivo dell’integrazione degli stranieri, attraverso la conoscenza di alcuni valori della Costituzione Italiana, e la promozione dell’apertura verso gli altri. Gli allievi hanno realizzato delle foto che rappresentano il valore dell’accoglienza e della pace. Queste le foto più significative:

  • Mappamondo e le mani: Le mani delle donne si prendono cura e proteggono il mondo;
  • Bandiera italiana, costituzione e stretta di mano: Il rispetto dei diritti umani sancito dall’ordinamento sarà garanzia di pace e di integrazione